Moda

Il suono high tech (con quattro brevetti) nell’ultimo modello Patek Philippe


Patek Philippe conclude il 2021 con un’ultima sorpresa per gli appassionati di alta orologeria. Che sono tantissimi nel mondo, anche se saranno pochissimi quelli che potranno mettersi al polso il nuovo Ref. 5750 Advanced Research, con la sofisticata complicazione della ripetizione minuti (riproduce acusticamente il tempo a richiesta) che la maison svizzera ha lanciato martedì scorso in edizione limitata a soli 15 esemplari.

Un numero di pezzi ristretto per un modello che presenta un’innovazione importante per l’orologeria con suoneria, segmento in cui Patek Philippe già eccelle. Grazie a tre anni di lavoro e quattro brevetti l’orologio, azionando il cursore posizionato sul lato sinistro della cassa, genera un suono dal volume molto più alto rispetto a quello degli orologi con ripetizione minuti prodotti finora dalla maison, pur mantenendone gli standard raggiunti in termini di armonia e acustica. Istituito nel 2005 per lavorare su progetti all’avanguardia, il reparto Advanced Research di Patek Philippe è arrivato a questo risultato di amplificazione del suono della ripetizione minuti realizzando ex-novo un modulo meccanico totalmente indipendente, chiamato fortissimo “ff” (formato da un disco vibrante in cristallo zaffiro sul quale, al centro, è stata fissata una leva a rotazione flessibile in acciaio), e un nuovo sistema di diffusione del suono che sono stati aggiunti al calibro R-27 PS a carica automatica con micro rotore in platino. Soluzioni meccaniche che, per fare un esempio, rendono il volume, anche se ascoltato a 60 metri di distanza, uguale a quello di un modello con ripetizione minuti tradizionale, ma sentito a 10 metri. Rispetto al quale, peraltro, la suoneria dura qualche secondo di più.

La cassa del Ref. 5750 Advanced Research è in platino di 40 mm di diametro, mentre il quadrante mostra al centro un motivo traforato ispirato ai cerchioni delle auto d’epoca e, a ore 6, un disco girevole a segnare i piccoli secondi. «Una soluzione mai usata prima, ma abbiamo voluto guardare avanti» puntualizza Thierry Stern, presidente e proprietario del brand insieme alla sua famiglia. E chiude: «Inoltre, abbiamo usato lo stesso motivo del centro del quadrante per il rotore, decorando così anche il movimento e dando all’orologio un look unico».

Link Sorgente

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *