Saloni/fiere

Pitti Uomo 101 perde la sua special guest Ann Demeulemeester


Versione italiana di

Laura Galbiati

Pubblicato il



6 gen 2022

Le nubi si accumulano sopra al salone di riferimento della moda uomo. In attesa di aprire la stagione maschile martedì 11 gennaio, Pitti Uomo incassa una nuova defezione importante, dopo quella di Brunello Cucinelli. La special guest Ann Demeulemeester ha infatti deciso di rinviare il proprio evento alla prossima edizione del salone fiorentino, a giugno 2022.

Ann Demeulemeester ha sfilato a Parigi lo scorso settembre – © PixelFormula

 
La maison, acquisita dall’imprenditore milanese Claudio Antonioli nel settembre 2020, ha spiegato in una breve nota che ha deciso di “celebrare la sua storia in condizioni migliori”, preferendo attendere la sessione estiva di Pitti Uomo per riproporre il suo evento.
 
Con l’accelerazione della diffusione del Covid-19, la griffe, che aveva programmato di organizzare una grande serata mercoledì 12 gennaio alla Stazione Leopolda, combinando performance musicali e moda con una selezione di look delle sue ultime collezioni e pezzi d’archivio per ripercorrere i quasi 40 anni della sua storia, non poteva fare altrimenti. Difficile, infatti, con un format del genere far rispettare il distanziamento sanitario.

“Il progetto che volevamo, con Claudio Antonioli e Ann Demeulemeester, tutti uniti da un grande entusiasmo, era una festa di moda, musica, spettacolo e socializzazione, dove le persone e le loro interazioni erano parte integrante dello spettacolo. Nelle scorse settimane abbiamo hanno cercato di adattare questo format alla mutata situazione, garantendo la massima sicurezza a tutti coloro che erano coinvolti nella produzione, ma gradualmente il progetto si è svuotato della sua sostanza e non era più possibile mantenerne lo spirito originario”, ha confermato Lapo Cianchi, Direttore Comunicazione ed eventi speciali di Pitti Immagine.
 
In un comunicato, l’organizzatore ha dichiarato di aver deciso “a malincuore” di posticipare l’evento a giugno, pur confermando con fermezza lo svolgimento della 101esima edizione della sua manifestazione dedicata al menswear, in programma dall’11 al 13 gennaio con 600 espositori, ben consapevoli che altri annunci e defezioni potrebbero arrivare prima di allora.
 
Da lunedì, di fronte alla quinta ondata della pandemia di Covid-19 e all’accelerazione dei casi della variante Omicron, il mondo della moda ha registrato numerose cancellazioni. La fiera internazionale della lingerie e Interfilière Paris, ad esempio, hanno deciso di posticipare la loro edizione, così come Maison & Objet, che ha dovuto dichiarare forfait. In Italia, la rassegna dedicata all’oreficeria e alla gioielleria VincenzaOro, dal canto suo, ha spostato la sua edizione di gennaio al prossimo marzo.
 
Per quanto riguarda le Fashion Week uomo, Milano e Parigi hanno confermato le loro date. Ma alcune maison hanno preferito rinunciare a sfilare, come Giorgio Armani, che ha cancellato tutte i suoi eventi in programma a gennaio a Milano e durante l’Haute Couture parigina.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Source link

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *