Business

Nonostante segnali di miglioramento, Superdry ha ancora del lavoro da fare


Versione italiana di

Laura Galbiati

Pubblicato il



20 gen 2022

Per Superdry, gli ultimi risultati di vendita (periodo natalizio e primo semestre) mostrano “chiari segnali di ripresa per il marchio e le sue finanze, ma la c’è ancora molto da fare per l’azienda, le cui vendite sembrano ristagnare.

Superdry

Nel periodo di 11 settimane terminato l’8 gennaio, le entrate del gruppo sono aumentate del 19,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ma sono diminuite dell’11,7% rispetto allo stesso periodo del 2019-2020. I ricavi dei negozi sono aumentati del 18,4% rispetto allo scorso anno, ma sono diminuiti del 18,8% su base annua. L’e-commerce è sceso del 17,6% su base annua, ma è aumentato dello 0,3% rispetto a due anni fa. Le vendite al dettaglio totali sono aumentate del 21,7% su base annua e in calo dell’11,8% su base annua, mentre le vendite wholesale sono aumentate del 12,9% su base annua ma in calo dell’11,3% rispetto al periodo pre-pandemia.

Risultati piuttosto incoraggianti, nonostante un traffico “che resta debole rispetto ai livelli pre-crisi sanitaria, con la diffusione della variante Omicron che sta portando a nuove restrizioni in Europa, e una significativa riduzione dei nostri ribassi nel quadro del Black Friday e del periodo successivo Natale”.
In linea con la sua strategia di prezzo, Superdry non ha organizzato vendite di fine stagione nei suoi negozi e, di conseguenza, nelle ultime 11 settimane il suo margine lordo è migliorato del 4,1% rispetto a due anni fa.

Nel semestre il fatturato del gruppo ha raggiunto 277,2 milioni di sterline (332,8 milioni di euro), in calo dell’1,9% rispetto allo stesso semestre del 2020, e del 24,9% rispetto a due anni fa (ricordiamo che il calo registrato nel corso di 11 settimane due anni fa era dell’11,7%). Ciò riflette “l’impatto della pandemia di Covid-19 e il nostro passaggio a una strategia commerciale a prezzo pieno, ma con un tasso di esecuzione in costante miglioramento per tutto il periodo”.

Il tasso di margine lordo si è attestato al 55,2%, rispetto al 51,7% dello stesso periodo dell’anno scorso, ma comunque al di sotto del 56,3% registrato prima della pandemia.

La società ha registrato una perdita di rettificata ante imposte di 2,8 milioni di sterline (3,4 milioni di euro), meno grave della perdita di 10,6 milioni di sterline registrata l’anno precedente, ma peggio della perdita di 2,3 milioni di sterline di due anni fa. Tuttavia, il suo profitto dichiarato ante imposte è di 4 milioni di sterline (4,8 milioni di euro), contro una perdita di 18,9 milioni di sterline l’anno precedente e una perdita di 4,2 milioni di sterline negli Stati Uniti prima dell’inizio della crisi sanitaria.

Il CEO Julian Dunkerton si è detto “molto soddisfatto dei progressi compiuti in ciascuna delle nostre iniziative strategiche, con chiari segni di ripresa per il marchio e le sue finanze. La migliore prova della salute del marchio è il miglioramento dello slancio delle vendite e un 12% di aumento delle vendite a prezzo pieno nel settore retail, che ha incrementato il margine lordo del gruppo del 3,5% rispetto all’esercizio precedente”.

La stagione autunno-inverno ha fornito “un’opportunità per mostrare ai consumatori le nostre linee di prodotti migliorate”. La categoria principale di Superdry, le giacche, è stata la forza trainante delle sue prestazioni, in crescita del 40% su base annua, e il marchio “sta vedendo tendenze positive in diverse categorie, in particolare nell’abbigliamento femminile, dove abbiamo visto un aumento del 4% rispetto all’autunno -Inverno 2019”.

La società, che lo scorso novembre ha aperto un nuovo flagship londinese in Oxford Street nell’ex negozio Forever 21, afferma anche che i primi risultati di vendita del negozio “hanno superato le sue aspettative”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Articolo preso da Fashio Network Italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *