Industria

La Cina sarà il primo mercato del lusso entro il 2025


Di

Ansa

Pubblicato il



25 gen 2022

Nel 2021 circa il 21% della spesa globale dei consumatori per i beni di lusso proveniva dalla Cina continentale e la Cina dovrebbe diventare il più grande mercato del mondo in questo settore entro il 2025. Questo è quanto prevede la società di consulenza gestionale globale Bain & Company.

Ansa

La compagnia ha appena pubblicato il ‘China Luxury Report 2021’, evidenziando che le vendite interne di beni di lusso personali in Cina continentale hanno registrato un aumento del 36% su base annua, arrivando a quasi 471 miliardi di yuan (74 miliardi di dollari) nel 2021.

La cifra delle vendite è quasi raddoppiata rispetto a quella del 2019. Le categorie di beni di lusso hanno registrato una crescita variegata dei propri mercati l’anno scorso in Cina. Gli articoli in pelle hanno avuto l’aumento più rapido, con un tasso di circa il 60%, seguiti da abiti di moda e gioielli. Lo shopping offshore duty-free nella provincia insulare meridionale cinese di Hainan ha stimolato il fiorente mercato del lusso del Paese asiatico, dato che l’anno scorso circa il 95% del volume delle vendite duty-free di Hainan proveniva da beni di lusso personali e che più della metà di questi articoli erano cosmetici di marchi di lusso, come si legge nello studio.

Nel 2021, le vendite online del settore dei beni di lusso personali in Cina sono aumentate di circa il 56%, più velocemente rispetto ai negozi tradizionali, il canale di distribuzione convenzionale e primario per questa industria. Tuttavia, a causa dell’impatto della pandemia di Covid-19 e delle relative restrizioni agli spostamenti, oltre il 90% della spesa dei consumatori cinesi per i beni di lusso è stata realizzata in Cina continentale, secondo il rapporto.

“Nel complesso, ci aspettiamo che gli acquisti di beni di lusso personali da parte dei consumatori cinesi tornino ai livelli pre-Covid-19 tra la fine del 2022 e la prima metà del 2023”, ha commentato Xing Weiwei, socio di Bain & Company e co-autore dello studio.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.



Source link

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *