Sfilate

magnificenza sotto il ponte di Manhattan


Versione italiana di

Gianluca Bolelli

Pubblicato il



12 set 2022

Aggiungete “violoncellista” alla già considerevole lista di talenti di Francesco Risso. Il designer ha suonato lo strumento in un’orchestra di 80 persone durante la sua sfilata per Marni sabato scorso, alla quale ha assistito anche Madonna.

Marni – Primavera-Estate 2023 – Womenswear – New York – © PixelFormula

Una sensazionale collezione a tema “dal tramonto all’alba” allestita sotto un gigantesco arco all’estremità orientale del ponte di Manhattan a Brooklyn.

“Soffro di opacarofilia, o amore ossessivo per albe e tramonti. Questa è la definizione dell’amore struggente”, ride Francesco Risso vestito, come il resto dei musicisti e una ventina di cantanti, in camicia e pantaloni da chirurgo in cotone cerato ocra e arancio.

Le canottiere arancio carota, i reggiseni color melone e i pantaloni zenzero, nonché i cappotti rosso cremisi, richiamavano tutti i colori del ​​tramonto. Mentre i top color rosa fenicottero, le maglie a bolle e i pantaloni svasati arancio persiano suggerivano i motivi dell’alba.

Nel mezzo, il creativo ha giocato con vari azzurri in proporzioni straordinarie, che si trattasse di pantaloni alla marinara blu artico in pelliccia sintetica o di abiti da sera in seta cobalto e bianca.
 
La maggior parte delle forme elaborate era costituita da singoli pezzi di tessuto in cui le maniche degli abiti erano legate fino all’orlo. Come se parti del corpo – come tendini e muscolatura – assumessero nuove forme e nuova vita. I ricci e l’allungamento riflettono il senso dell’infinito che si vede all’orizzonte, ha spiegato lo stilista italiano.

Marni – Primavera-Estate 2023 – Womenswear – New York – © PixelFormula

Una collezione basata su un look book esteso di un’intera giornata, dal minuto più blu del cielo al rosso e arancione intenso dell’alba o del tramonto. Scatti casuali di momenti diversi.

“Anche il poeta più depresso del pianeta non ha potuto fare a meno di innamorarsi di un bel tramonto… che, ovviamente, è un’illusione. Il sole non tramonta né sorge mai veramente, ma gira in tondo”, ha precisato Francesco Risso.

Il designer è uscito dall’orchestra durante il finale dello spettacolo, stringendo in mano il suo violoncello, che ha iniziato a suonare solo due anni fa.

Risso ha quindi fatto parte della straordinaria colonna sonora: un’orchestra dal vivo che suonava un remix di “Reconfig” della band cyberpunk Shortwire. Una collezione e uno show notevoli, salutati da un applauso scrosciante durante il finale, con un temporale che si è sovrapposto al poetico insieme di abiti.

“Il pensiero di un tramonto sembra così rilassante e pacifico. Questa collezione aveva lo scopo di creare un senso di pausa nei nostri ritmi. Nella complessità del mondo in cui viviamo, ha senso prendersi una pausa”, ha detto Francesco Risso.

Marni – Primavera-Estate 2023 – Womenswear – New York – © PixelFormula

Russo ha scoperto l’esistenza di quell’arco gigante mentre vi passava sotto e poi ha sentito il rumore del treno, il cui girare continuo gli è parso legato al tema della collezione.
 
Inoltre, l’intero spazio ha offerto una prospettiva unica di New York. Un’eco di ciò che l’intera collezione propone sulla moda di oggi.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Source link

Articoli correlati