Business

Bric’s compie 70 anni con nuovo store a Milano, fatturato su in double digit e… Andy Warhol


Pubblicato il



29 set 2022

Novità retail, distributive, finanziarie e a livello di licenze per l’azienda di borse e valigeria di Olgiate Comasco (CO), che al recente salone Mipel di Milano ha festeggiato i 70 anni d’attività con una capsule collection dedicata a Andy Warhol, mentre il 28 settembre ha inaugurato ufficialmente (era attivo già da luglio) la relocation del proprio negozio in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, dove è presente dal 1999.

Pietro Briccola e le co-lab con Andy Warhol allo stand Bric’s dell’ultimo Mipel – Foto: Gianluca Bolelli – FashionNetwork.com

Dopo un primo episodio con la riproduzione su alcune borse e valigie del ritratto di Marylin Monroe realizzato dall’artista americano icona della pop art, è toccato agli iconici fiori di Warhol essere i protagonisti della capsule con Bric’s. Si tratta della collezione di valigie rigide “Bellagio” serigrafata con le immagini di Andy Warhol, cui si aggiungono due borsoni da 55 e 65 centimetri. “Per la collezione del 2023 verrà utilizzata un’altra immagine, quella dell’autoritratto di Warhol, e verrà aggiunto un altro borsone in versione floscia”, spiega a FashionNetwork.com Pietro Briccola, direttore commerciale e membro del Consiglio d’amministrazione di Bric’s.
 
La distribuzione della linea Bric’s X Andy Warhol verrà effettuata nei monomarca Bric’s, che sono 9 dopo la recente inaugurazione di uno spazio all’aeroporto di Francoforte, e in una serie di multimarca alquanto ricercati. “Ad esempio negli USA abbiamo dato l’esclusiva distributiva a Neiman Marcus”, rivela.

Foto: Gianluca Bolelli – FashionNetwork.com

Prende corpo anche il co-branding con Porsche Design, lanciato a settembre 2020, ma impattato in pieno dalla pandemia. “Ora però le vendite di questa nostra licenza mondiale della durata di 5 anni + 5 anni si stanno riprendendo bene, come quelle di tutta l’azienda, grazie alla ripresa del turismo dopo gli anni di Covid”, assicura Pietro Briccola. “All’interno di ogni prodotto della linea Porsche Design, costituita di un centinaio di referenze, c’è l’etichetta ‘Engineered and Manufactured by Bric’s’, a testimoniare che si tratta proprio di una partnership in co-branding. I suoi prodotti sono borse, zaini, piccola pelletteria, valigie e trolley, tutto quello che riguarda i viaggi”, tiene a sottolineare il dirigente. La collezione viene distribuita wolrdwide in tutti i negozi Porsche Design e in 300 store multimarca.

Tornando al punto vendita di Milano, suddiviso su due piani, il piano terra è tutto dedicato alla maison lariana, all’artigianalità, all’eleganza e alla funzionalità dei suoi prodotti, mentre il mezzanino è riservato proprio a Porsche Design e alle collezioni nate dalla co-lab con Bric’s.

Il nuovo store in Galleria a Milano – Bric’s

Tre anni fa, la storica azienda di valigeria di lusso accessibile aveva lanciato sul mercato anche un nuovo marchio, pensato in particolare per i giovani consumatori: B|Y, acronimo di ‘Be Young’, realizzato in collaborazione con l’industrial designer David Dolcini, il cui studio ha sede in Italia e in Spagna. “La linea sta andando estremamente bene, grazie soprattutto ai Millennials cui si rivolge, che hanno ricominciato a viaggiare. Il mercato in cui va più forte è quello americano”, dice il direttore commerciale

Stati Uniti e Nord America in generale che rappresentano proprio il primo mercato complessivo di Bric’s col 30% del giro d’affari, seconda è ancora l’Italia, terza la Germania. Proprio gli Stati Uniti sono il mercato più cresciuto lo scorso anno. “Gli States hanno sofferto meno a livello commerciale per il Covid e si sono ripresi prima”, sostiene Briccola, che scorge una ripresa anche dell’e-commerce.
 
Bric’s ora ha un solo problema, spiega Pietro Briccola: “Quello della merce. Non ci aspettavamo questa crescita, per cui dobbiamo affrontare una richiesta per i nostri prodotti che è superiore all’offerta che attualmente possiamo evadere. Tutto questo per colpa della crisi geopolitica attuale, con i ben noti aumenti conseguenti di costi, noli, trasporti, inflazione. Comunque, grazie anche alla nuova crescita del numero di turisti americani in Europa, anche sul Vecchio Continente le nostre vendite si sono abbondantemente riprese”.

Ottime le performance di vendita, soprattutto negli USA, della labelB|Y – Foto: Gianluca Bolelli – FashionNetwork.com

Ottime notizie dunque per l’azienda della famiglia Briccola, che dopo avere registrato un fatturato di 47 milioni di euro nel 2019 pre-Covid era ancora sotto di un 20% a questa cifra nel 2021, precisa il direttore commerciale, “mentre nel 2022 stiamo crescendo ampiamente in double digit, tanto che siamo già ben al di sopra dei risultati di volume d’affari del 2019”, afferma. 
 
Bric’s è diffuso in tutto il mondo. “A spot anche in Sud America, ma è il Medio Oriente l’altra area in cui siamo fortissimi. La famiglia reale del Qatar, con la loro compagnia aerea di jet privati, la serviamo noi. Un altro mercato che sta esplodendo è la Nigeria, nazione ricca di materie prime con una clientela alto spendente che aumenta di numero, ed è un Paese che secondo me diventerà uno dei mercati top del futuro”, chiosa Pietro Briccola.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Articolo preso da Fashio Network Italia

Articoli correlati