Creazione

Dopo Kenzo e Miyake, la moda giapponese sta entrando in una nuova era


Di

AFP

Versione italiana di

Gianluca Bolelli

Pubblicato il



18 ott 2022

Alla scuola di moda Bunka di Tokyo, in un silenzio inframmezzato dal brusio di forbici e macchine da cucire, gli studenti sognano Parigi e la fama mondiale conosciuta dai loro gloriosi predecessori, che oggi sono invecchiati o sono scomparsi.

Un’insegnante mostra a una studentessa il taglio di un tessuto alla scuola di moda Bunka il 16 settembre 2022 a Tokyo – AFP/Yuichi YAMAZAKI

La morte di Kenzo Takada nell’ottobre 2020 e poi quella di Issey Miyake ad agosto di quest’anno segnano la fine di un’era, dopo la rivoluzione generata negli anni ’70 e ’80 dagli stilisti giapponesi in Francia e nel mondo.

Queste scomparse rafforzano le aspettative verso una nuova generazione di designer, come Takuya Morikawa, ex studente della Bunka oggi 40enne, i cui capi chic ispirati allo streetwear hanno debuttato sulle passerelle parigine due anni fa.

Prima di lanciare la sua etichetta TAAKK nel 2013, Morikawa ha trascorso otto anni nello studio di Issey Miyake, lavorando sulla famosa linea “Pleats Please” ed esplorando dei metodi artigianali tradizionali.

Morikawa è stato molto toccato dalla morte del suo mentore. “Dobbiamo fare del nostro meglio affinché la morte di questi stilisti non abbia ripercussioni sul mondo della moda. Se questo accade, significa che stiamo facendo male il nostro lavoro”.

Un altro ad aver raccolto il testimone è Nigo (vero nome Tomoaki Nagao), che è salito alla ribalta negli anni ’90 con la sua etichetta di streetwear A Bathing Ape. Laureato anche lui alla scuola Bunka, lo scorso anno è stato nominato direttore artistico di Kenzo.

Sacai, un altro marchio di moda giapponese di successo internazionale, è stato fondato nel 1999 dallo stilista Chitose Abe, che ha collaborato in particolare con lo stilista francese Jean Paul Gaultier.
 
Concorrenza commerciale

Kenzo e Issey Miyake sono partiti alla conquista del mondo da Parigi, così come Hanae Mori, pioniera dell’haute couture giapponese, morta anche lei lo scorso agosto all’età di 96 anni. Yohji Yamamoto, che ora ha 79 anni, e Rei Kawakubo, 80 anni, fondatrice di Comme des Garçons, simboleggiano ancora questa generazione d’oro.

La moda giapponese d’avanguardia una volta “scosse il mondo”, secondo la presidente della Bunka, Sachiko Aihara, che ricorda come i suoi studenti si fossero vestiti di nero dopo che Yohji Yamamoto lanciò la sua prima linea di abbigliamento monocromatica…

Tuttavia, “è finito il tempo in cui uno stilista presenta una collezione che tutti indossano”. La causa è la moltiplicazione dell’offerta “e non un declino del talento”, sostiene la signora Aihara, per la quale ora è fondamentale avere anche delle conoscenze commerciali prima di lanciare un marchio competitivo.

La stilista Mariko Nakayama, che ha lavorato a lungo come designer nel mondo della moda a Tokyo e ha intenzione di lanciare il suo marchio in Francia, ricorda di aver avuto la “pelle d’oca” quando ha indossato Comme des Garçons per la prima volta.

Nakayama sente anche che il settore è diverso oggi. “Guardando Virgil Abloh per Louis Vuitton, ad esempio, mi sento come se fossimo entrati in un’era di editing”, in cui i designer apportano ritocchi moderni a forme e motivi classici, dice all’interno del suo negozio, situato nel quartiere chic di Omotesando a Tokyo.

“Nuovi valori”
 
Perché lavorare a Parigi, Londra, New York o Milano è ancora considerata la chiave del successo per i designer giapponesi, spiega Aya Takeshima, 35 anni, che ha studiato alla Central Saint Martins di Londra.

La recente sfilata di Takeshima alla Tokyo Fashion Week per il suo marchio Ayame presentava camicette trasparenti e abiti goffrati, mentre dei modelli maschili indossavano raffinati abiti eleganti.

Studiare all’estero le ha dato prospettive diverse. “In Giappone, mi sembra che inculchiamo prima la tecnica. Idee e concetti (…) sono secondari”, mentre a Londra è il contrario, secondo lei.

Consapevole anche della necessità che i suoi studenti siano aperti al mondo, Bunka prevede di offrire una borsa di studio all’estero nell’ambito delle celebrazioni del suo 100° anniversario il prossimo anno.

Per Natalia Sato, 21 anni, una delle sue studentesse, Issey Miyake e la vecchia guardia “hanno portato molti valori giapponesi e orientali nel mondo”, comprese le tecniche ispirate al ricco e sofisticato artigianato tradizionale.

“Sono preoccupata che le fondamenta che hanno costruito possano essere distrutte con la loro scomparsa”, ma “al tempo stesso è un punto di svolta” che potrebbe offrire nuove opportunità creative, sostiene. “È un’opportunità per me di riflettere al modo in cui possiamo creare valori nuovi”.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.

Source link

Articoli correlati