Industria

Lem Industries fonde le sue due aziende di trattamenti galvanici


Pubblicato il



21 ott 2022

Nuova operazione di consolidamento, questa volta in Toscana, nel mondo dei fornitori indipendenti per il mondo della moda e del lusso. L’azienda Lem Srl, società attiva a livello mondiale nei trattamenti galvanici per l’alta moda, si fonde per incorporazione con la X-Plating Srl, società entrambe controllate dalla capogruppo Lem Industries S.p.A., con sede a Levane di Bucine (AR).

lemindustriesspa.com

L’operazione di fusione per incorporazione decorrerà dal 1 gennaio 2023 e si inquadra nel più ampio processo di ridefinizione societaria del gruppo Lem Industries, volto a semplificarne la struttura e a valorizzarne le sinergie commerciali, operative e amministrative. Oltre a una razionalizzazione e ottimizzazione dei livelli decisionali, della gestione delle risorse e dei costi di struttura, l’operazione consente anche un’eliminazione di duplicazioni e sovrapposizioni societarie, contabili, fiscali e amministrative, spiegano le aziende in un comunicato.
 
Dopo la fusione, Lem Industries arriva a contare 15.000 metri quadrati di superficie produttiva e 300 dipendenti complessivi, il 50% donne, con un’età media di 38 anni e un fatturato stimato a fine 2022 di 70 milioni di euro. Il 10% del giro d’affari verrà investito in operazioni di sostenibilità.

Più precisamente, Lem sviluppa soluzioni, sistemi completi e integrati per la valorizzazione e la protezione di tutti gli accessori per il settore della moda, tra finitura galvanica, PVD Tecnology System e verniciatura, e dopo la fusione opererà con due divisioni: Lem per il settore tradizionale e di leadership della galvanica e X-22 per l’innovativo sistema PVD.

“I mercati, in questo momento, premiano i gruppi che sanno rispondere con maggiore flessibilità, indipendenza e trasparenza al mondo economico-finanziario e nel rapporto con i brand”, spiega Daniele Gualdani, amministratore unico di Lem Industries, secondo il quale la sostenibilità è “oramai irrinunciabile, anche se ancora molto c’è da fare…soprattutto con il sud produttivo del mondo”.
 
Secondo lui, la fusione rappresenta un importante “ancoraggio all’ecosistema produttivo territoriale” aretino, e “un’azione di indipendenza”, che significa “posizionare i propri clienti al primo posto e non le logiche finanziarie di gruppi economici esterni alla struttura valoriale e produttiva del gruppo”.

Lem Industries

Nata nel 1974, Lem S.r.l. è passata dai 15 dipendenti del 2003 ai circa 210 attuali, mentre il suo fatturato è passato da 16,4 milioni di euro del 2010 e 43,3 milioni di euro nel 2021. Attualmente fanno parte della sua area produttiva impianti galvanici statici di elettrodeposizione, uno manuale e uno automatico (per finiture nichel), un impianto galvanico roto barile semiautomatico (per finiture nichel e nichel free) e un impianto vibratura (sia per scopertura che per finiture invecchiate “vintage”). L’azienda definisce il suo fiore all’occhiello il reparto campionario, che è in grado di gestire le esigenze dei clienti nei periodi di picco (es. sfilate d’alta moda) con tempi di consegna al di sotto delle 24 ore. 
 
Lʼ8 aprile 2021, lo stabilimento della Lem a Bucine venne colpito da un incendio che ha distrutto completamente l’area produttiva, compreso l’impianto galvanica statico di elettrodeposizione manuale. Ciò nonostante, L’azienda è riuscita a sopperire alla situazione di emergenza utilizzando l’impianto di proprietà di X-Plating riorganizzando l’organico e mantenendo la continuità aziendale. Nel 2019 aveva iniziato a progettare un nuovo impianto automatico e robotizzato dedicato alla produzione nichel free per il settore moda e luxury, che è entrato in funzione nel 2021, capace della più grande capacità produttiva al mondo. “Quella del nichel free rappresenta una vera e propria richiesta del mercato, che avrà importanti trend di crescita”, puntualizza Daniele Gualdani.
 
Oltre ad aver investito nella realizzazione di un laboratorio di ricerca e sviluppo interno, negli ultimi 5 anni Lem ha anche ottenuto le certificazioni ISO9001 (Qualità), SA8000 (Etica sociale e Sicurezza), ISO14001 (Ambientale).

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.



Source link

Articoli correlati