Business

risultati record nel terzo trimestre, grazie ai prodotti americani e ai nuovi brand


Versione italiana di

Laura Galbiati

Pubblicato il



25 ott 2022

Il colosso delle fragranze Inter Parfums Inc. ha annunciato un aumento del 7% delle sue vendite per i tre mesi terminati il 30 settembre, grazie soprattutto alla crescita a doppia cifra del business dei prodotti americani e dei suoi marchi più recenti.

Ferragamo

La società ha dichiarato che le vendite nette per il terzo trimestre sono salite a un record di 280 milioni di dollari; a tassi di cambio comparabili, l’incremento è stato del 12%. Nei primi nove mesi dell’anno, le vendite sono aumentate del 16% a 776 milioni di dollari.
 
Per regione, i prodotti americani sono aumentati del 45% a 98 milioni di dollari, mentre le vendite di prodotti europei sono scese del 4% a 198 milioni di dollari. Da inizio anno, le vendite negli Stati Uniti sono salite alle stelle registrando un +62%, mentre le vendite in Europa sono aumentate del 4%.

“Diversi fattori hanno contribuito alla crescita delle nostre operazioni negli Stati Uniti nel terzo trimestre. I nostri marchi più nuovi, Ferragamo, Donna Karan e DKNY, hanno rappresentato il 41% dei guadagni, mentre la crescita organica di brand già in portfolio come Guess, Oscar de la Renta, Hollister e Abercrombie & Fitch ha costituito gran parte del totale. Le vendite di Donna Karan/DKNY sono iniziate solo alla fine di luglio e, quindi, da inizio anno, i nuovi marchi hanno contribuito per il 36% alla nostra crescita delle vendite, mentre il resto è da attribuire ai brand già presenti “, ha dichiarato Jean Madar, presidente e CEO di Inter Parfums .
 
“In euro, le attività europee hanno aumentato le vendite del 12%, poiché i nostri tre marchi più grandi, Montblanc, Jimmy Choo e Coach, hanno sovraperformato rispetto al terzo trimestre dello scorso anno rispettivamente dell’11%, del 32% e del 3%. Anche molti dei nostri brand di medie dimensioni, tra cui Kate Spade, Rochas, Boucheron, Van Cleef & Arpels e Karl Lagerfeld, hanno ottenuto una crescita delle vendite nel trimestre. Tuttavia, la diminuzione del 17% del tasso di cambio medio euro-dollaro ha mascherato questi guadagni di vendita e, di conseguenza, abbiamo registrato nel terzo trimestre un calo del 4% delle vendite di prodotti europei, se valutate in dollari”, ha aggiunto Madar.
 
La società riconosce che la crescita trimestrale è stata “modesta” rispetto ai trimestri precedenti, aggiungendo che si è confrontata con “paragoni significativi, dal momento che il terzo trimestre del 2121 era cresciuto del 64% e che continuiamo a dover affrontare sfide nella catena di approvvigionamento, che hanno spinto la consegna di alcuni set di regali per le festività nel quarto trimestre”.
 
​Tuttavia, le sue attività italiane rimangono pienamente operative: “Ferragamo è sulla buona strada per diventare il nostro secondo marchio più grande dopo le operazioni statunitensi quest’anno. Continuiamo anche a vedere un forte slancio nel nostro travel retail e la nostra piccola ma crescente attività di ‘travel amenities’ sta iniziando a rivelarsi una vera promessa”, ha affermato Michel Atwood, CFO di Inter Parfums.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Articolo preso da Fashio Network Italia

Articoli correlati