Business

Puma continua il suo slancio con un trimestre record


Pubblicato il



26 ott 2022

Il brand tedesco di abbigliamento sportivo Puma ha registrato un aumento del 12,6% dell’utile operativo nel terzo trimestre e ha confermato le sue previsioni per l’intero anno, nonostante l’incertezza nel mercato globale. Nel periodo, il gruppo ha registrato un utile ante interessi e imposte (Ebit) di 258 milioni di euro e ricavi in ​​aumento del 16,9%, a tassi di cambio costanti, pari a 2,354 miliardi di euro.

I risultati trimestrali presentati da Puma – Puma

Nel corso del trimestre, il gruppo ha visto aumentare le proprie vendite di oltre il 18% nella zona Europa Medio Oriente Africa, a 972 milioni di euro, e di quasi il 19% nella zona delle Americhe, a 932 milioni di euro. E, nonostante gli impatti persistenti delle misure di contenimento del Covid-19 in Cina, Puma ha registrato una crescita delle vendite di quasi il 10% nella regione Asia-Pacifico, raggiungendo i 450 milioni di euro.
 
“Nonostante tutte le incertezze globali, il terzo trimestre è stato comunque molto buono per noi. Con un aumento delle vendite del 24% in euro, a 2,354 milioni di euro, e l’EBIT in rialzo del 13%, a 258 milioni di euro, è stato il miglior trimestre della storia di Puma”, ha dichiarato Bjorn Gulden, Presidente e Amministratore delegato della società. “Il miglioramento della disponibilità dei prodotti attraverso una catena di approvvigionamento più stabile, vendite più elevate rispetto alle previsioni e il continuo slancio del marchio Puma su scala mondiale hanno compensato tutti i fattori esterni negativi. Nei primi nove mesi, abbiamo registrato una crescita del giro d’affari del 24% in euro, raggiungendo 6,269 milioni di euro e un EBIT di 600 milioni di euro. Le nostre categorie performance, come corsa, calcio e basket, continuano ad andare molto bene. Continuiamo a constatare una forte domanda per le calzature, ma stiamo anche osservando che gli alti livelli di stock presenti sul mercato, in particolare per l’abbigliamento, hanno portato i rivenditori a ordinare con maggiore cautela rispetto a un anno fa”.

Com’è sua abitudine, il manager ha preferito optare per commenti prudenti per quanto riguarda le prospettive di business. “Ci aspettiamo una continua volatilità del mercato nel quarto trimestre, ma siamo fiduciosi nella nostra capacità di raggiungere i nostri obiettivi per l’intero esercizio”, ha aggiunto.
 
Per il 2022 la società prevede una crescita delle vendite di circa il 15% rispetto al fatturato di 6,8 miliardi di euro realizzato nel 2021, e un Ebit compreso tra 600 e 700 milioni di euro.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Articolo preso da Fashio Network Italia

Articoli correlati