Business

Capri Holdings (Michael Kors) riduce le previsioni per le feste per la ripresa lenta della Cina


Di

Reuters

Versione italiana di

Gianluca Bolelli

Pubblicato il



10 nov 2022

Mercoledì Capri Holdings Ltd, la società proprietaria fra gli altri dei marchi Versace, Jimmy Choo o Michael Kors, ha tagliato le proprie previsioni finanziarie per le festività natalizie, segnalando come ragione principale la lenta ripresa della domanda in Cina a seguito delle restrizioni legate al Covid-19 e alle incertezze che circondano l’economia mondiale.

Michael Kors – Primavera-Estate 2023 – Womenswear – New York – © PixelFormula

Mentre le maison del lusso sono riuscite a riversare l’aumento dei costi ai loro clienti più facoltosi, la Cina rimane un punto dolente, poiché le restrizioni una tantum su affari e viaggi a seguito della politica “zero Covid dinamica” di Pechino impediscono ai consumatori di recarsi nei negozi di alta moda. “[Le restrizioni Covid] hanno causato enormi difficoltà… pensiamo che ci vorrà del tempo per vedere una ripresa [in Cina]”, ha affermato John Idol, CEO di Capri.

“Le entrate del secondo trimestre nella Cina continentale sono diminuite a una percentuale vicina al 20%, poiché l’attività economica del Paese nell’ultimo mese è peggiorata a causa di un ulteriore rallentamento dell’affluenza nei negozi”, ha aggiunto John Idol.

Il gruppo Capri non ha rivelato le proprie entrate complessive provenienti dalla Cina, ma la regione è solitamente il terzo mercato più grande per i marchi di lusso, dietro gli Stati Uniti e l’Europa.

Anche il produttore di pelletteria di lusso Gucci, parte del gruppo Kering, e il fabbricante di parka Canada Goose hanno visto diminuire le loro vendite in Cina negli ultimi mesi.
 
John Idol ha reso noto che la domanda di prodotti Michael Kors è diminuita anche tra i distributori all’ingrosso statunitensi.

“I marchi di lusso ‘accessibile’ come Michael Kors erano suscettibili di risentire degli effetti di un rallentamento della domanda indotto dall’inflazione prima di marchi premium come Versace”, ha affermato Jessica Ramirez, analista di Jane Hali and Associates.

Capri ha fatto scendere le sue previsioni di vendite per il trimestre comprendente le feste natalizie a 1,53 miliardi di dollari (1,54 miliardi di euro), da 1,65 miliardi di dollari (1,66 miliardi di euro) e ha abbassato le prospettive di guadagno a 2,20 dollari da 2,45 dollari (a 2,21 da 2,46 euro) per azione.

Il valore delle azioni della griffe di moda è tuttavia salito di quasi il 2%, oltrepassando le previsioni di utile, dopo che ha annunciato un nuovo programma di riacquisto di azioni da 1 miliardo di dollari.

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.

Articolo preso da Fashio Network Italia

Articoli correlati