Business

Carpisa corre in Italia con i trolley firmati Pininfarina


Di

Ansa

Pubblicato il



23 nov 2022

Nasce una nuova collezione Carpisa firmata Pininfarina, la casa di design emblema dello stile italiano nel mondo: comprenderà una linea di trolley in tre taglie, due zaini, una borsa da lavoro e una tracolla, tutto all’insegna della sostenibilità.

Pininfarina x Carpisa

“Abbiamo una quota del 28% del mercato italiano della valigeria e vogliamo crescere ancora. Questo prodotto è il simbolo di un’azienda che, dopo la pandemia, è tornata a correre in un mercato che per fortuna ha ricominciato a muoversi. Nel 2022 torneremo a superare i 100 milioni di fatturato con margini positivi”, ha spiegato Gianluigi Cimmino, Ceo di Carpisa, durante la presentazione, presso la sede PIninfarina di Cambiano, della collezione ‘premium’, che sarà in vendita presso gli store del brand dal 10 dicembre (la data potrebbe essere anticipata).

“La fascia di prezzo sarà più alta del 30% rispetto agli altri prodotti, ma resteranno comunque accessibili”, ha sottolineato Cimmino.

“La collaborazione con Carpisa ci ha permesso di realizzare una collezione pensata per la mobilità quotidiana di chi si sposta per lavoro e per piacere. Abbiamo messo a disposizione le nostre competenze multidisciplinari che, combinate con le innovazioni tecniche di Carpisa, hanno dato vita a una collezione con un forte carattere distintivo. Noi puntiamo alle partnership di lunga durata, con Carpisa è l’inizio di un’avventura. Vogliamo tenere insieme esclusività e accessibilità”, ha detto Silvio Pietro Angori, Ceo della Pininfarina.

La storica azienda, il cui nome è legato a vetture iconiche, oggi ha una quota dei ricavi tra il 25 e il 30% non legata alle attività automobilistiche. Il verde acido delle rifiniture dei trolley s’ispira ai colori fluorescenti di due concept car Pininfarina degli anni ’60-’70.

Carpisa ha 1.200 dipendenti, la metà in Italia, e 500 store nel mondo. Non è presente negli Usa e in Asia.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Articolo preso da Fashio Network Italia

Articoli correlati