Moda

Roelmi Hpc cresce tra sostenibilità e hi-tech


Prevede di chiudere il 2022 con un fatturato di 20 milioni di euro in crescita del 25% rispetto all’anno precedente Roelmi Hpc (Health and Personal Care), azienda italiana che produce ingredienti per il mercato della cosmetica e della nutraceutica. Al centro della crescita l’approccio guidato dall’innovazione nella chimica verde e dalla volontà di costruire modelli di economia circolare altamente performanti, orientato alla preservazione dell’ambiente, alla salvaguardia della biodiversità e all’utilizzo di fonti rinnovabili.

Durante il 2021 è stato risparmiato l’equivalente di circa 21.771 kg di Co2, con una riduzione del 38% di consumo d’acqua e un utilizzo di 509.897 kw di energia da fonti rinnovabili. Impegno 2030 è di dimezzare le emissioni di Co2 aziendali, con l’obiettivo di raggiungere lo zero netto entro il 2050. L’azienda applica un modello di green economy e riutilizzo dei materiali – come le frazioni non edibili della filiera agroalimentare – unite alle tecnologie biotech.

La sostenibilità continua a essere l’asset principale di sviluppo, coinvolgendo ogni singolo aspetto aziendale, grazie al programma Nip – Nature Is People, un vero e proprio attestato delle azioni sostenibili, che ha portato Roelmi Hpc – che ha circa 900 clienti in 44 Paesi e 54 dipendenti con un’età media di 37 anni di cui il 60% donne – a essere riconosciuta come una delle 150 aziende italiane più sostenibili e a ricevere, anche nel 2022, riconoscimenti, come la valutazione Platinum conferita da EcoVadis – piattaforma che analizza le attività aziendali volte alla sostenibilità; e il premio Best Managed Companies Award 2022, che Deloitte consegna alle realtà che si distinguono per strategia, competenze e innovazione, impegno e cultura aziendale, governance e performance, internazionalizzazione e sostenibilità.

Link Sorgente

Articoli correlati