Industria

Oerlikon acquisisce lo specialista di accessori metallici per il lusso Riri


Pubblicato il



16 dic 2022

Oerlikon, lo specialista svizzero dell’ingegneria delle superfici, della lavorazione dei polimeri, della produzione additiva e delle macchine tessili di Pfäffikon, cantone di Zurigo, annuncia la firma di un accordo definitivo per l’acquisizione della connazionale Riri, azienda di Mendrisio, in Canton Ticino, specializzata nella fornitura di accessori metallici per l’industria della moda e del lusso.

Riri

Completata per un importo non reso noto, la transazione entrerà in vigore dal primo trimestre del 2023, previa approvazione normativa. L’operazione consente a Oerlikon di mettere le mani su una struttura che ha generato 170 milioni di euro di fatturato nell’esercizio 2022 e dotata di oltre 1.100 dipendenti.

Riri opera attraverso cinque marchi: Riri (cerniere in metallo e plastica), Cobrax (bottoni e rivetti), Amox (accessori metallici per calzature), oltre a Cobrax Metal Hub e DMC (componenti per pelletteria). In questo mercato degli elementi metallici per la moda, Oerlikon aveva già acquisito l’anno scorso l’azienda francese Coeurdor, specializzata nel settore da 70 anni.

“Riri è fortemente complementare alla nostra attività attuale nel settore del lusso e consoliderà la nostra posizione nei segmenti della gioielleria per la moda e dei componenti metallici per pelletteria. Dopo l’acquisizione di Coeurdor nel 2021, quest’ultima operazione rappresenta un ulteriore passo decisivo che ci permette di diventare uno degli attori principali del mercato, oltre che un interlocutore unico per la fornitura di articoli in metallo per i marchi della moda d’alta gamma”, ha affermato Michael Suess, Executive Chairman di Oerlikon. “L’acquisizione favorirà strategie di cross-selling e rafforzerà la nostra presenza nel mercato globale degli articoli in metallo di lusso, che fa registrare ogni anno tassi di crescita ad una cifra percentuale medio-alta”.
 
“La nostra gamma di prodotti, in particolare le zip e i bottoni, completa alla perfezione l’offerta di accessori metallici che è un punto di forza di Oerlikon. Insieme, occupiamo una posizione ideale sul mercato italiano e francese, ossia i due principali centri europei della moda, e possiamo garantire ai clienti del settore un’offerta completa”, ha aggiunto Renato Usoni, CEO di Riri, che vanta sedi produttive a Mendrisio e 7 in Italia – a Padova, Tirano (SO), Poggio a Caiano (PO), Scarperia e San Piero a Sieve (FI), Badia al Pino (AR) e Palazzolo (BS). “Siamo entusiasti di entrare a far parte di Oerlikon, perché ci permetterà di accelerare la transizione del settore dei beni di lusso all’insegna della sostenibilità verso una tecnologia più green, grazie all’applicazione di lavorazioni come il PVD (Physical Vapor Deposition – Soluzione di rivestimento con una pellicola sottile che risulta più ecologica dei processi tradizionali, come la cromatura, ndr.) di Oerlikon”.

Riri

Nel giugno 2021, il gruppo Oerlikon, quotato alla Borsa di Zurigo,  aveva acquisito lo specialista italiano dei polimeri Inglass. La struttura aveva contribuito per il 15% al ​​fatturato del gruppo nel trimestre in esame, e l’operazione aveva già palesato la volontà del gruppo elvetico di svilupparsi attraverso delle acquisizioni.

Oerlikon ha registrato un fatturato di 2,68 miliardi di euro (2,65 miliardi di franchi svizzeri) nell’esercizio 2021. Con 12.000 dipendenti distribuiti su 202 siti in 37 Paesi, l’entità zurighese aveva registrato un aumento del 19% degli ordini nella prima metà del 2022 e un incremento dell’Ebitda del 15%, a 240 milioni di euro, contro i 202 milioni dell’anno precedente.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.



Source link

Articoli correlati