Industria

Mango pubblica la lista dei suoi fornitori di tessuti e accessori di livello 3


Versione italiana di

Laura Galbiati

Pubblicato il



4 gen 2023

L’azienda spagnola di fast fashion Mango continua a puntare sulla totale trasparenza della sua filiera. Negli ultimi due anni ha pubblicato l’elenco di tutti i suoi fornitori di livello 1 e 2 (coinvolti nella produzione, nelle finiture e nei processi). Ma la società si era posta un obiettivo ancora più ambizioso alla fine del 2021: pubblicare un elenco completo di tutti i suoi fornitori di tessuti e accessori di livello 3. Il che è ora cosa fatta.

A fine 2022, Mango lavorava con 2.400 fornitori di livello 1, 2 e 3 nel mondo – Mango

L’insegna intende “continuare il processo di audit dei fornitori per garantire condizioni di lavoro idonee” per i lavoratori di tutti gli stabilimenti con cui collabora. Mango diventa così la prima azienda spagnola del settore ad aver pubblicato l’elenco completo dei propri fornitori all’estero.
 
Alla chiusura dell’esercizio precedente, il brand collaborava con 2.400 aziende esterne in 33 Paesi, di cui circa il 50% (1.172) localizzate in un raggio geografico di prossimità. Secondo l’elenco, stilato in base ai criteri del programma per la difesa del lavoro e dei diritti umani Transparency Pledge Standard, la Turchia è il Paese in cui Mango ha il maggior numero di fornitori (663).

La Cina segue da vicino il mercato turco con 651 stabilimenti; l’India è terza con 214 fornitori. Infine, Spagna e Italia chiudono la top 5 con rispettivamente 169 e 150 stabilimenti. Altri Paesi coinvolti nella produzione delle collezioni Mango sono il Bangladesh con 132 stabilimenti, il Marocco (87), il Portogallo (67), il Vietnam (63) e il Pakistan (51).
 
L’elenco completo è consultabile sul sito istituzionale dell’azienda spagnola e comprende dati come il nome degli stabilimenti, i loro indirizzi, il numero dei dipendenti e le tipologie di prodotti realizzati.
 
Anche l’impegno per i diritti umani è uno degli assi fondanti della nuova strategia di sviluppo sostenibile dell’azienda guidata da Toni Ruiz. Nei prossimi anni, Mango attuerà “programmi di azione sociale e collaborazioni sostenibili e tracciabili” con delle ONG come Fundación Vicente Ferrer, Medici senza frontiere, la Croce Rossa spagnola, Educo e Save the Children.
 
L’obiettivo: “provocare un impatto positivo per i gruppi emarginati nei Paesi di tutto il mondo e contribuire allo sviluppo sociale ed economico dei Paesi coinvolti”. La società spagnola lancerà inoltre progetti di formazione per facilitare l’accesso all’istruzione di bambini e donne in Paesi come Bangladesh, India e Pakistan.
 
Fondata nel 1984, la multinazionale ha chiuso il 2022 con circa 2.200 punti vendita nel mondo. Presente in 115 mercati, il marchio ha registrato un aumento del fatturato del 25% nella prima metà dell’esercizio in corso, a 1,214 miliardi di euro.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.



Source link

Articoli correlati