Business

Givaudan cresce del 6,5% nel 2022 grazie all’aumento dei prezzi nella profumeria


Di

AFP

Versione italiana di

Laura Galbiati

Pubblicato il



25 gen 2023

Il gruppo svizzero Givaudan, specializzato in profumi e aromi, ha annunciato un aumento delle vendite e degli utili per il 2022, nonostante il difficile contesto, grazie soprattutto all’aumento dei prezzi nel settore della profumeria.

Givaudan / AFP

Lo scorso anno, l’utile si è attestato a 856 milioni di franchi svizzeri (850 milioni di euro), in aumento del 4,2% rispetto all’anno precedente, mentre il fatturato è salito a 7,1 miliardi di franchi, con una progressione del 6,5%, ha dichiarato la società in un comunicato stampa. Gli analisti intervistati dall’agenzia svizzera AWP prevedevano in media un utile di 826 milioni di franchi per 7,1 miliardi di fatturato.
 
Le vendite della divisione profumeria sono salite del 5,3%, a 3,2 miliardi di franchi, sotto l’impulso della profumeria fine, in crescita del 14,3%. La profumeria funzionale, che comprende i profumi per detersivi da bucato, saponi e prodotti per l’igiene personale, ha ripreso a crescere, con un aumento delle vendite del 2%. Gli ingredienti per la profumeria e per i prodotti di bellezza hanno visto progredire le loro vendite del 10,2%. La divisione aromi ha registrato un aumento del fatturato del 5,2%, al netto di effetti valutari e acquisizioni, a 3,8 miliardi di franchi.

«Queste buone performance sono state ottenute grazie alla maggiore incidenza degli aumenti di prezzo negoziati con i clienti per compensare l’aumento del costo delle materie prime nel secondo semestre», spiega il gruppo ginevrino.
 
Il gruppo ha confermato i suoi obiettivi di medio-lungo termine, prevedendo una crescita del fatturato organico dal 4% al 5%, e intende aumentare dell’1,5% il dividendo dello scorso esercizio, a 67 franchi per azione.

Copyright © 2023 AFP. Tutti i diritti riservati.

Articolo preso da Fashio Network Italia

Articoli correlati